Mappa del sito

di Costanza Lerda

Umanità sul podioNon c’è un solo podio. Ci salgono gli atleti. “Di tutti i colori” anche gli italiani, in queste ultime Olimpiadi. Giustamente orgogliosi li festeggiamo. Meritata ricompensa per i sacrifici,...

Continua a leggere
 

di Silvia Micioni

Lettera ai nipotiCari Beatrice, Ester, Anna, Giovanni, Gabriele e Alessandra...
Io non lo so se voi sarete i figli di mia sorella, i figli dei miei figli, i figli di miei cari amici o miei ex alunni.

Continua a leggere
 

di Silvia Micioni

Lettera ai nipotiNella vita ci sono momenti in cui vi sembrerà di arrivare, con la barca in bilico, nel vuoto, a rischio di affogare, trascinati via dalla corrente impetuosa. Potevate evitare di sporgervi così tanto,...

Continua a leggere
 

di Silvia Micioni

Lettera ai nipotiNella mia vita, lunga o breve che sarà non lo so, l’amore è stato la scena principale e lo sfondo, antagonista e protagonista, alleato e nemico. L'amore era lì, c'è sempre stato, esiste ancora.

Continua a leggere
 

di Silvia Micioni

Lettera ai nipoti"Immagina di essere un’anziana e scrivi una lettera indirizzata ai tuoi nipoti per raccontare loro come l'amore sia stato il centro della tua vita e delle tue scelte...".

Continua a leggere
 

di Costanza Lerda

Quando il tifo diventa violenzaSarà il prolungarsi del lockdown. Sarà il desiderio di ritrovarsi per fare festa. Sarà che le limitazioni, le mascherine, il distanziamento, non sono naturalmente parte del convivere…

Continua a leggere
 

di Silvia Micioni

La disabilitàQuanta paura, quanta rabbia, quanti dubbi possono avere le persone che hanno a che fare con la disabilità. Un figlio disabile fa a pezzi la vita... Ruba il tempo per leggere un libro, per lavorare,...

Continua a leggere
 

di Costanza Lerda

Cyberbullismo alla scuola Media - Caraglio CNPoteva far finta di nulla. Arrabbiarsi, prendere provvedimenti disciplinari.
Ha ragionato, riuscendo a trasformare l’incidente in una positiva riflessione.

Continua a leggere
 

di Silvia Micioni

"Non mi toccare"Ora è lì, davanti a lei. Lo vede, lo riconosce anche nella sua corporeità dopo che lo aveva perduto. Può trattenerlo. Può abbracciarlo, toccarlo. È lì. Il suo Signore, il suo Maestro. Rabbunì.

Continua a leggere
 

di Silvia Micioni

Un volto, una storiaDistratta, confusa, svogliata, assente, pigra, incapace.
Non si impegna. Non studia.
Non si applica. Non è attenta. Dorme sul banco.
Non ha il materiale. È sempre in ritardo.

Continua a leggere
 
Scroll Up