di Silvia Micioni

Annientamento: spogliarsi, fare spazio per...Mi piace quando il laico viene definito “testimonianza del Vangelo vissuto” nella quotidianità, in famiglia o nella professione che svolge. Il laico è pienamente inserito nel tessuto sociale.

E siccome, come dice il papa Francesco la Chiesa si sviluppa per attrazione e non per proselitismo, la presenza di un laico che vive la Parola, può davvero attrarre a Gesù.
Inoltre, del Carisma mi ha colpito tantissimo l'aspetto dell'annientamento. Forse perché non avevo mai pensato a questa parola in accezione positiva. Invece, dal punto di vista del Piccolo Disegno è davvero un aspetto interessante, perché annientarsi significa spogliarsi di tutto ciò che ci impedisce di "fare spazio" al “caro prossimo”. E questo è davvero grandioso.
Ci ricorda che, proprio come Gesù ha fatto per noi, la nostra vita, per essere definita tale, ha bisogno di essere spesa per qualcuno: per un figlio, per un alunno, per un paziente, per un amico, per un giovane, per un povero. Per chiunque incroci il nostro cammino, perché è solo così che ne acquista davvero significato. È questo che permette di vivere relazioni profondamente umane e umilmente divine. >> Segue [1] Continua [3] [4]

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Scroll Up