di Silvia Micioni

“Perdono”: atto, effetto del perdonare. “Perdonare”: concedere il perdono, non punire, scusare. Dal dizionario sembra semplice. Ma quante volte trasciniamo per anni situazioni in cui...

non siamo in grado di perdonare chi ci ha fatto del male? “Padre Nostro aiutaci a perdonarci non perché quello che è grave è senza importanza ma con il coraggio estremo e la libertà di accogliere l’altro così com’è nonostante il male che ci ha fatto, come tu accogli ciascuno nonostante i suoi difetti”.
Quante volte invece siamo noi a dover essere perdonati? O noi a doverci perdonare?
“Donaci occhi nuovi e cuore di madre verso l’altro e una misericordia che sempre dà fiducia, crede, spera dacci la grazia di un’amnistia completa nel cuore di un perdono reciproco universale”. Poi vedere la tua croce ci fa chiedere quanto è immenso, infinito, indescrivibile il tuo perdono e allora mettiamo tutto lì, ogni peccato, ogni speranza, ogni perdono… nella tua croce.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Scroll Up