di suor Wivine Mboma 

Suor Wivine Mboma a LourdesIl pellegrinaggio a Lourdes è stato per me una forte esperienza di fede. Torno alla mia vita ordinaria con nel cuore un nuovo slancio e vigore, dopo aver celebrato il giubileo per i 25° di vita consacrata.

Come Mosè, mi sono sentita profondamente interpellata per prepararmi a entrare a piedi nudi in questo luogo sacro. Cioè, lasciare cadere i pesi inutili che mi porto per sentire, con la mia pelle, e gustare il freddo, il caldo, la bellezza di Lourdes.
Sono stata impressionata dal carattere universale di questo luogo che ha radunato in preghiera, al suo interno, persone di tutte le razze, le lingue, le nazioni intorno e ai piedi della Nostra signora di Lourdes.
Mi ha colpito inoltre la disciplina, l’ordine e la calma mantenuta, in modo incredibile, nelle varie funzioni, nonostante la moltitudine immensa delle persone presenti.
Infine, sono rimasta toccata dal servizio completo e umile reso, da numerose persone volontarie, ai malati e a tutte noi, con il cuore. Ci sono altre cose che hanno favorito il gusto e il clima sereno della preghiera, e che porto nel mio cuore.
Esprimo i miei sentimenti di gratitudine alle superiore e a tutte le persone che mi hanno reso possibile questa esperinza, che rimarrà per sempre nel mio cuore.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Scroll Up