di Giovanni Dutto

Sentirsi leggeriRiscoprire il senso della storia minuta della vita quotidiana per capire che ogni istante è una grazia, anche se non sarà mai certificata da un ex voto. Scoprire che una mano invisibile guida l’esistenza.

Continua a leggere
 

di Giovanni Dutto

Un desiderio... e benedireSvegliarsi al mattino con questo pensiero per la giornata: compiere qualcosa di bello per gli altri. Senza un preciso programma. Solo l’apertura a cogliere docilmente le occasioni.

Continua a leggere
 

di Giovanni Dutto

RingraziareGrazie è una di quelle parole che ti possono rendere serena la vita.
Ringraziare si deve per un avvenimento grande che cambia l’esistenza,...

Continua a leggere
 

di Giovanni Dutto

Tornare a vivere«Non stimate il mondo e le sue attrattive più di quanto si stimi un po’ di spazzatura».
Quanta attualità in questa quinta Massima di padre Médaille.

Continua a leggere
 

di Giovanni Dutto

RingraziareA volte penso che la più grande grazia da chiedere è la capacità di ringraziare. Il cammino per cui sale con spontaneità alle labbra la parola grazie è segnato innanzitutto dal sentirsi piccoli.

Continua a leggere
 

di Giovanni Dutto

In cammino nella vitaFa bene fermarsi a rivisitare le stagioni della vita.
È facile scoprire allora le grazie ricevute.
A volte sono svolte importanti, a lungo e con fatica attese.

Continua a leggere
 

di Giovanni Dutto

Amore disinteressato«… tutto scaturisca da un amore disinteressato, che non cerca altro che di piacere a Dio»: è l’attenzione che padre Médaille chiede nel nostro agire (Conf. Massime Primitive IX, 9).

Continua a leggere
 

di Giovanni Dutto

La diffidenza crea tristezza«Quando ci sarà motivo di sospettare, interpretate ogni cosa benevolmente», suggerisce padre Médaille in una delle sue Massima (cap VIII, 6). Un'affermazione parecchio esigente.

Continua a leggere
 

di Giovanni Dutto

Imprevisti«Non considerate mai gli imprevisti, per quanto spiacevoli, come contrarietà, ma riteneteli molto utili e necessari alla vostra vita» (MP VII,3a). Eppure una società efficiente non tollera gli imprevisti.

Continua a leggere
 

Padre Jean-Pierre MédailleParole che nutrono la mia vita

Scroll Up