di Valentina

Durante la prima parte di questo percorso a tappe siamo stati invitati a salire su una scala scegliendo alcuni dei pesi che...

rappresentano le nostre quotidiane fatiche, il male di cui, a volte, ci facciamo carico. Questa salita ci ha aiutato a prendere consapevolezza di quante volte, senza nemmeno rendercene conto, ci carichiamo di cose inutili che appesantiscono il cammino della vita.
Dopo un momento di riflessione, alla luce della presenza di Gesù, abbiamo trovato la forza e la voglia di buttar via quanto di vecchio e di ingombrante ci portavamo dentro, scegliendo concretamente di partire da un punto in particolare.
Che liberazione! Poi, uscendo dalla cappella, abbiamo lanciato fisicamente un peso simbolo di quello che ormai era di troppo in noi. Attraverso questo gesto tanta vita è rientrata in me… Che bello potersi dire "e ora si riparte, questo non mi serve più… posso camminare a passo più spedito e con serenità".
È proprio vero che, spesso, ci troviamo fermi, inchiodati alle nostre fatiche, ai nostri limiti, alle nostre paure e non troviamo la voglia e la forza di reagire. Gesù, la nostra Forza, è sempre pronto a schiodarci, a rimuovere con noi le zavorre che ci impediscono di correre. Mi ha fatto riflettere su quanto operi per noi nel sacramento della riconciliazione. Qui ci ha lasciato realmente una grande occasione di slancio, perché proprio lì, in modo speciale, ci "libera" da ogni tipo di peso.
Il tempo della quaresima possa essere quella scala, a volte un po' faticosa da percorrere, ma preziosa, come un tempo favorevole, capace di farci venir voglia di lasciare andare quel che ci blocca nello slancio verso Gesù. 

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter


News giovani

  

  
24 giugno - ore 20.30
"Giochi senza frontiere"
Allo Stadio di Cuneo
+INFO
---------------------------- 

30 giugno-2 luglio
Weekend -
Alpe Papa Giovanni
Limonetto - Cuneo
+INFO

Mappa del Sito

ARCHIVIO

Scroll Up