di Angelo Fracchia

Maria, madre di DioCome reagiremmo se potessimo anche noi, come i pastori, vedere Gesù bambino? Come ci si comporta davanti a Dio? Maria sembra essere quella più all’altezza della situazione:...

non dice molto, medita nel suo cuore, sa di essere davanti a un grande mistero, che forse non arriverà mai a capire fino in fondo, ma che va contemplato, lasciato scendere nell’intimo.
I pastori non meditano. Loro glorificano e lodano Dio per ciò che hanno udito e visto. Non si può però dire che il loro sia un atteggiamento blasfemo… Certo, si potrebbe sostenere che Maria si mostri più consapevole di ciò che la coinvolge, ma anche i pastori evidentemente hanno colto di non trovarsi davanti a un bambino come gli altri.
E ci sono anche altre persone, intorno, di cui si dice che si stupiscono. Ci si può stupire per tante cose, in tanti modi diversi, alcuni dei quali magari superficiali e inutili. Ma, di nuovo, non si può dire che la nascita di Dio nel mondo non causi stupore e non possa suscitare, innanzi tutto, stupore.
Tre atteggiamenti diversi, tutti riportati dal vangelo senza giudizi, senza rimproveri o lodi. Verrebbe da dire che sono tre atteggiamenti possibili, giusti.
Viene da dire, sembra lo dica il vangelo, che non c’è un solo modo opportuno di mettersi davanti a Dio. Siamo diversi, e le nostre reazioni saranno diverse. Ma tutte possibili, giuste, gradite a Dio.
Solennità di Maria Ss. Madre di Dio Si potrebbe rileggere il vangelo secondo Luca, 2,16-21

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter
Scroll Up