di Rosi e Maurizio

Nell’incontro del gruppo famiglie di sabato 8 aprile si è trattato il tema “Rafforzare l’educazione dei figli”, con l’ausilio del testo “Amoris Laetitia”.

Abbiamo iniziato guardando un video, con le parole della poesia “I vostri Figli” di Gibran, che ci ha ricordato che i figli sono figli della forza stessa della vita e che noi genitori siamo l’arco dal quale i nostri figli sono lanciati in avanti.
A casa, ogni coppia aveva letto il settimo capitolo del testo di papa Francesco e, durante l’incontro, ciascuno ha comunicato alcuni passi che aveva sottolineato, aggiungendo una riflessione e un commento personale. Sono emersi tanti aspetti relativi all’educazione dei figli, ad esempio lo stare insieme nella prossimità, incrociandoci in diversi momenti della giornata, preoccupandoci di quello che interessa tutti e aiutandoci a vicenda nelle piccole cose quotidiane. L’educazione alla fede sa adattarsi a ciascun figlio. È fondamentale che i figli vedano in modo concreto che, per i loro genitori, la preghiera è realmente importante.
Dopo la condivisione abbiamo vissuto un bel momento di adorazione in cappella, preparato da suor Esterina Franchino e suor Daniela Ansaldi. È stato un grande aiuto poter riflettere, interiorizzare, portare in preghiera e lodare il Signore Dio per il cammino che ci ha fatto percorrere. Abbiamo affidato tutto al Signore domandandogli aiuto e benedizione.
Il cammino di quest’anno si è concluso con la cena conviviale e, ovviamente, dandoci appuntamento al 9 settembre per programmare gli incontri del prossimo anno.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

FARSI PANE

Può essere bello, ma
non è certo facile farsi pane.
Significa che non puoi più
vivere per te, ma per gli altri.
Significa che devi essere
disponibile, a tempo pieno.
Significa che devi avere
pazienza e mitezza,
come il pane
che si lascia impastare,
cuocere e spezzare...
Significa che devi coltivare
la tenerezza e la bontà,
perché così è il pane,
tenero e buono.

R. Prieto

 

Scroll Up