di Maddalena Limodio

Mi chiamo Maddalena, sono una insegnante di 30 anni, partita da Napoli con tanti sogni nel cassetto, accolta dalla “Casa della Giovane” di Cuneo. Qui sto facendo una esperienza nuova nella mia vita,...

di convivenza. Spesso questo livello di “vita insieme” è difficile da raggiungere e da gestire perché implica un ordine sociale, culturale e dei riferimenti comuni. Nella struttura sono presenti ragazze di diverse appartenenze, religioni, culture e pure motivazioni (conviviamo per motivi estrinseci, non scelti, o semplicemente funzionali al lavoro, allo studio…).
Questa esperienza è per me una vera occasione di crescita, perché mi propone vari ostacoli da superare: relazione con persone, che non avrei mai scelto; condivisione degli spazi, del tempo, dei pasti; confrontarsi e accordarsi con le altre ragazze. Posso dire che quanto sto vivendo rappresenta per me un nuovo inizio, un punto di partenza, una rinascita. E sto sperimentando cosa vuol dire vero amore per il prossimo, senza distinzione.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Casa della Giovane

Non camminare davanti a me,
potrei non seguirti;
non camminare dietro di me,
non saprei dove condurti;
cammina al mio fianco
e saremo sempre amici.

Mappa del Sito

ARCHIVIO

Scroll Up