di Barbara Manferdini

Quest’anno per la prima volta ho aiutato la mia piccola a scrivere la sua prima letterina a Babbo Natale. Nell’attesa che Gesù Bambino ci porti i “doni che non si vedono” abbiamo spedito la letterina...

e il mio cuore di mamma si è commosso nel vederla così entusiasta del fatto che la sua lettera venisse letta da Babbo Natale.
….ma non è stato per nulla facile!
Non riuscivo a farle capire che Babbo Natale può portarle un regalo.
Provavo con degli esempi: un libretto visto che le piacciono tanto oppure un puzzle… e lei di tutta risposta continuava a indicarmi i suoi giochi dicendomi «Ma io li ho già”». «Sì, ma puoi ricevere un gioco nuovo». E lei interrogativa incalzava «Mamma guarda, sono già qui i miei giochi».
Sono giorni che ci penso.
E l’unica spiegazione che mi sono data è che lei non ne ha bisogno.
Viene con me a fare la spesa, sa che esistono posti dove le “cose” si comprano, si ferma davanti a cose belle, colorate, giocose ma mai mi ha chiesto “me lo prendi”, oppure mai ha messo qualcosa nel carrello.
Oltre al bisogno di dormire e mangiare lei mi chiede: «Voglio un po’ di "cocona"». E io come per qualsiasi bisogno primario le rispondo semplicemente con il mio “esserci” sperando di colmare le sue necessità senza che vada a cercare altrove inutilmente.
Gli anni passeranno, i bisogni cambieranno ma Babbo Natale ci penserà e Gesù Bambino, se noi lo vorremo, continuerà ad alimentare, curare e sanare il nostro cuore con i regali “che non si vedono”.
Abbiamo bisogno di altro?

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Essere Famiglia

 Ti auguro
un'oasi di pace

La strada
vi venga sempre dinanzi

e il vento vi soffi alle spalle
e la rugiada
bagni sempre l'erba

cui poggiate i passi.
E il sorriso brilli sempre
sul vostro volto.
E il pianto che spunta
sui vostri occhi
sia solo pianto di felicità.
E qualora dovesse trattarsi
di lacrime di amarezza
e di dolore,

ci sia sempre qualcuno
pronto ad asciugarvele.
Il sole entri a brillare
prepotentemente
nella vostra casa,

a portare tanta luce,
tanta speranza e tanto calore.

Don Tonino Bello

ARCHIVIO

MAPPA del Sito

Scroll Up