di Carmelina Elia Ballarino

In vista del XXXIII Capitolo Generale delle Suore di san Giuseppe di Cuneo il Gruppo Famiglie e i membri attivi dell’Associazione PODUL di Basilea così si sono espressi riguardo alla diffusione del Carisma ai laici.

«Continuare la collaborazione con i laici; intensificare il loro coinvolgimento in attività e in opere di bene (“Non abbiate timore a chiedere”).

  • Continuare a fare formazione per i laici.
  • Programmare un incontro per i laici del Piccolo Disegno, se possibile, anche in Svizzera (Basilea/Berna?).
  • Porre una speciale attenzione al fenomeno dei rifugiati: fare accoglienza, dare ospitalità, insegnare la lingua ecc. Se possibile, utilizzare alcuni edifici, dandoli in gestione a organizzazioni umanitarie disposte a collaborare con voi.
    Difficile darvi consigli perché fate già tantissimo e spargete semi di vita che portano frutti molto buoni. Siete, come dico sempre, delle "Api laboriose" e noi tutti vi vogliamo un gran bene. Molte delle attività che a Basilea portiamo avanti sono frutto della vostra testimonianza e dei vostri insegnamenti.

Preghiamo lo Spirito del Signore che illumini le vostre menti, vi guidi alle scelte giuste, vi sorregga, vi dia il coraggio di misurare le proprie forze e di saper accettare anche l'idea di un cambiamento; pensiamo alla crisi di vocazioni ma anche a una crescita del volontariato composto dai numerosi laici che, guidati dalla gioia del Vangelo, come dice Papa Francesco, vivono il loro essere cristiani mettendo a frutto i propri talenti.
Noi laici però abbiamo bisogno di "Guide" capaci di parole e di testimonianze, come sapete fare molto bene voi.
Vi accompagniamo con la nostra preghiera e con tutto il nostro profondo affetto».

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter
Scroll Up