Che cos’è il Capitolo generale?

È una nuova pagina che si apre nella storia della Congregazione. È l’opportunità per un rilancio da vivere confidando nel dono dello Spirito e nella ricerca fraterna.
Infatti, secondo le nostre Costituzioni, «Il Capitolo generale rappresenta tutto l’Istituto e ne esprime le istanze, alla luce del Vangelo, nella linea della fedeltà al carisma, alle direttive della Chiesa e alle esigenze dei tempi. È vissuto sotto l’azione dello Spirito Santo nella preghiera, nel discernimento, nella comunione» (n. 142).

Quando viene convocato?

In genere, nella forma ordinaria, viene convocato ogni sessennio, un anno prima della sua celebrazione proprio per permettere a tutti i membri della Congregazione una seria preparazione e un attivo coinvolgimento. «…Siamo tutte convocate a vivere insieme una tappa importante della nostra storia. Osiamo sperare che il coinvolgimento, l’apporto di ognuna e, soprattutto, l’azione del Signore, potranno fare del tempo capitolare un evento di comunione» (Lettera di indizione del XXXIII Capitolo generale di madre Maria Nives Chialva).

Quanto dura questo evento?
La preparazione avviene in diverse tappe, quali: giornate di studio, consultazioni dirette e tramite questionari, incontri, revisioni di vita e di missione, tempi di discernimento e di preghiera, elezioni delle sorelle capitolari… Un tempo assai impegnativo che ha coinvolge tutte le nostre Suore dell’Europa, dell’Africa, dell’Argentina e del Brasile.
Ci avviciniamo ora all’Assemblea che avrà luogo dal 13 al 30 luglio, preceduta da 4 giornate formative aperte a tutte le suore dal 9 al 12 a Cuneo, nei locali della Casa madre.

Dell’Assemblea capitolare: si può sapere qualcosa di più?
Certamente! Questo ultimo e decisivo passo, sono chiamate a compierlo le 30 suore capitolari, di cui: 21 elette dalla base; 9 di diritto che sono le 6 sorelle del governo attuale e le 3 Delegate dell’Africa, dell’Argentina e del Brasile.
Il loro compito è decifrare i nuovi passi di rinnovamento, in fedeltà al carisma, per aiutarci a vivere e testimoniare la gioia del Vangelo e individuare scelte concrete per esprimere, nella ‘fragilità umana’, la misericordia del Signore.
Inoltre sono delegate a eleggere la Madre generale e le Consigliere, alle quali sarà affidato il servizio del governo della Congregazione nei prossimi 6 anni.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter
Scroll Up