di Elena e Luca

“Crescere nella carità coniugale” è stato l’argomento che ha dato l’impronta all’incontro del 25 febbraio, aprendo i nostri cuori...

e i nostri pensieri sulla lettura del capitolo quarto di Amoris laetitia. È stato bello confrontarsi tra di noi. Riflettendo insieme, ci siamo resi conto come le parole del Papa ci siano vicine, anche se a volte possono sembrare concetti alti. Eppure dobbiamo imparare a volare alto, vivere intensamente la gioia di sposarsi e accettare il matrimonio come una sfida; una sfida che richiede ogni giorno di lottare, di rinascere, di reinventarsi, un’apertura al definitivo.
Abbiamo notato come papa Francesco, con molta sagacia, dia dei suggerimenti utili a far crescere e maturare l’amore. Non trascura la quotidianità, che riguarda l’accettazione dei nostri limiti e imperfezioni, portando l’esempio che non siamo come la famiglia perfetta della pubblicità “mulino bianco”.
Il dialogo tra i coniugi richiede un lungo tirocinio, occorre imparare a parlare con toni e atteggiamenti adeguati; è anche utile regalarci del tempo di qualità ed esprimerci l’importanza reciproca.
La storia di ogni matrimonio è un cammino di costruzione, un continuo scegliersi a più riprese.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Famiglie in rete

FARSI PANE

Può essere bello, ma
non è certo facile farsi pane.
Significa che non puoi più
vivere per te, ma per gli altri.
Significa che devi essere disponibile, a tempo pieno.
Significa che devi avere
pazienza e mitezza,
come il pane
che si lascia impastare,
cuocere e spezzare...
Significa che devi coltivare
la tenerezza e la bontà,
perché così è il pane,
tenero e buono.

R. Prieto

 

Mappa del Sito

ARCHIVIO

Scroll Up