di suor Giovanna Moschella

 Formazione al Collegio Immacolata - CuneoCome comunità delle giovani del Collegio Immacolata abbiamo accolto l’invito di Papa Francesco ad approfondire e vivere con...

maggior responsabilità le opere di misericordia corporali e spirituali che, magari, per qualcuna erano ‘illustre sconosciute’ o quasi. Questo è stato il tema del cammino di formazione annuale.
Abbiamo scelto il metodo della testimonianza invitando di volta in volta persone impegnate direttamente nel vivere qualche opera di misericordia.

  • Visitare i carcerati: due volontari dell’Associazione Aria Aperta ci hanno parlato della loro esperienza presso il carcere di Cuneo. Un servizio svolto in piena gratuità, con impegno e passione, per le persone che vivono la dura esperienza del carcere, molte volte lontane dalle famiglie e con nessun riferimento parentale.
  • Visitare gli ammalati: ancor più che visitare, ‘curare’, ‘farsi carico’ attraverso il servizio di infermiera quotidianamente a contatto con la sofferenza fisica, morale, psicologica dei degenti presso l’ospedale S. Croce. Una testimonianza toccante, soprattutto per alcune delle ragazze che frequentano la facoltà di scienze infermieristiche e che fanno le prime esperienze di tirocinio nei vari reparti dello stesso Ospedale.
  • Consigliare chi è nel dubbio: un’esperienza semplice e significativa di due sorelle della Città dei Ragazzi, che hanno condiviso con noi il cammino di fede e di promozione delle missioni dove sono presenti e il cammino di formazione con i giovani che frequentano la loro comunità, qui a Cuneo.

Un ‘piccolo aiuto’, certamente, per collaborare insieme a prendere coscienza di cosa vuol dire vivere il Vangelo nell’esperienza concreta di ogni giorno; per fare delle scelte di servizio a persone più sfortunate e provate dalla vita.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Collegio Immacolata

Si vive una volta sola…
 

Ci interessa perderci per qualche cosa o per qualcuno
che rimarrà anche dopo
che noi saremo passati.

Ci interessa di portare un destino eterno nel tempo,
di sentirci responsabili
di tutto e di tutti,
di avviarci verso l’Amore,
che ha diffuso un sorriso
di poesia su ogni creatura.

Primo Mazzolari

ARCHIVIO

MAPPA del Sito

Scroll Up