La Casa della Giovane di Cuneo compie 110 anni di vita! Tappa in cui traspare un cammino denso di volti e di relazioni di ogni colore.

Un servizio ininterrotto, svolto con generosità e dedizione dalle suore di S. Giuseppe e da laici, che ha seguito nella storia l’evolversi della condizione femminile, soprattutto del lavoro.
Una Casa che è stata, nel tempo, punto di riferimento per tante giovani che arrivavano a Cuneo senza conoscere nessuno e, in questi ultimi decenni, senza conoscere la lingua, arrivando dai Paesi europei e da altri continenti.
«Il mio porto sicuro», secondo una bella espressione detta in portoghese da una giovane ospite brasiliana.
Un porto cui attraccare, per un tempo più o meno lungo, la barca della propria vita, colpita magari da bufere e mareggiate, per avere la possibilità di ricostruirla, di rasserenarla, di darle una rotta diversa.
Tante le storie, i cammini intrapresi, le esperienze vissute nel nostro contesto sociale dalle ragazze, che per motivi più diversi hanno ‘approdato’ alla Casa della Giovane.
Le loro testimonianze ci confermano la preziosità di questo servizio di accoglienza discreta, rispettosa fatta di piccoli gesti quotidiani, di vicinanza, di offerta di aiuti o semplicemente di ascolto e di silenzio.
Accogliere ogni persona che bussa alla nostra porta è come avvicinarsi al “roveto”, al mistero di ogni cuore che porta dentro storie più o meno belle, problemi da affrontare, decisioni da prendere.
E poi si parte da questo ‘porto sicuro’, si prende il largo con più fiducia e coraggio sapendo che la porta rimarrà sempre aperta. «È proprio questo che fa la Casa: ti cresce e ti aiuta fino a quando non sei pronta ad incamminarti per la tua strada», secondo quanto ci ha detto una giovane ospite.
È bello ricordare, fare memoria delle tante persone con le quali si sono condivise gioie, speranze, fatiche che ci hanno fatto crescere, ci hanno arricchiti tutti: suore, laici, ospiti.
Rendiamo grazie a Dio che in tutti questi anni non ha fatto mancare persone sensibili e dedite a questo servizio, e ringraziamo la Congregazione che fin dagli inizi ha garantito la presenza delle suore in questa Casa.
Le suore della comunità della Casa della Giovane

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Casa della Giovane

Non camminare davanti a me,
potrei non seguirti;
non camminare dietro di me,
non saprei dove condurti;
cammina al mio fianco
e saremo sempre amici.

Mappa del Sito

ARCHIVIO

Scroll Up