di Silvia Micioni

San Giuseppe in controluceQuando mi trovo in vacanza in una località di mare nelle Marche, partecipo alla messa nella parrocchia di san Giuseppe. È una chiesa che si trova nel centro della cittadina.

Non è appariscente e si confonde con i palazzi. C'è, però, una cosa che mi colpisce particolarmente ed è proprio la statua di san Giuseppe, con il Bambino Gesù.
La statua si trova in alto ed è collocata dietro all'altare e di fronte ad una grande vetrata colorata. Quando la porta d'ingresso principale della Chiesa è aperta, si vede solo la sagoma della statua che si trova quindi in controluce.
Se in apparenza questa cosa può sembrare banale, trovo che sia invece particolarmente significativa, associata alla figura di questo grande Santo...
San Giuseppe: il santo in controluce.
Sì, perché la sua grandezza sta proprio nel fatto di essere stato "ombra", fedele e costante, nella vita di Gesù e di Maria.
Infatti, avvicinandosi piano piano alla statua si possono osservare dettagli importanti. Giuseppe sorregge il bambino con un braccio, lo sostiene, lo eleva in alto con sicurezza, forza e tenerezza. Il bambino è in primo piano, rispetto a lui, che rimane quasi nascosto.
La statua in controluce rappresenta l'umiltà, il non apparire, il fare da sfondo tipico di san Giuseppe, ma anche l'immensa capacità di esserci sempre.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Scroll Up