di Silvia Micioni

Esperienza in Brasile, Silvia MicioniQuando sono partita per il Brasile, sapevo che sarebbe stato un viaggio ricco e intenso, ma tutto è andato ben oltre le aspettative. Quello che desidero ora, è lasciar decantare l’esperienza...

perché ha ancora tanto da dirmi ed è bene che la testa si unisca al cuore e insieme facciano la strada… Tuttavia, tenterò di scrivere, pur sapendo che nessuna parola potrà rendere giustizia a ciò che ho vissuto...
Il Brasile è come lo specchio dell’animo umano, fatto di fragilità, contraddizioni, assurdità…come le Favelas in mezzo alla ricchezza sfacciata della città di Rio... ma pieno di bellezza, di varietà, di capacità di accoglienza delle persone, di calore, di affetto, di chi lavora costantemente per il bene…
Infatti, ho avuto l’immensa opportunità di conoscere la missione di Vila de Cava delle Suore di San Giuseppe dove è attivo il CECOM che opera con diversi centri a servizio di bambini e adolescenti. Nelle persone che lavorano al CECOM e nel sogno di chi il CECOM lo ha fatto nascere, ho visto l’atteggiamento di Gesù. Sì, Gesù che ci invita a mettersi a lato dei piccoli, degli esclusi, dei poveri, degli emarginati… perché di essi è il Regno dei Cieli...
"Deixai vir a mim as criancinhas, porque delas è o Reino do Céus" (Mt 19,14 “Lasciate che i bambini vengano a me per che di questi è il regno dei cieli”) è questa la frase del Vangelo che ha accompagnato il mio viaggio in Brasile in maniera prima velata e poi sempre più esplicita...
Scorgere e osservare persone lavorare a servizio del Bene, “a lato dei piccoli”, non senza fatiche, ma con tanta dedizione per dare concretezza a qualcosa di bello, di solido, di vero… Valorizzando aspetti come l’educazione, punto cardine per ogni vita umana è stato emozionante…
L’esperienza ha preso forma e significato vivendo momenti di preghiera, celebrazione della Messa e della Parola, con le suore e nella comunità.
Tutto, infatti, andava gustato con riconoscenza.
Inoltre, è proprio nell’Eucaristia che Dio, fattosi uomo, povero, mendicante, insegnante, emarginato... abbraccia e protegge tutto e tutti, ...come il Cristo Redentore che si erge su Rio de Janeiro...

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Scroll Up