di Angelo Fracchia

Lavanda dei piediCi sono a volte particolari ben visibili ma che diamo per scontati al punto da non notarli neanche. Il racconto dell'ultima cena, ad esempio. I vangeli ce ne offrono un racconto non identico tra di loro:...

nel vangelo di Giovanni nell'ultima cena parrebbe che non mangino... al posto del banchetto, che comprendeva il pane e il vino offerti come memoriale della presenza di Gesù tra i suoi e della sua offerta di vita per loro, sta la lavanda dei piedi, che peraltro manca negli altri vangeli.
Ma in tutti ci sono tre particolari significativi, l'ultimo dei quali, probabilmente, ha un peso che spesso ci sfugge...
Innanzi tutto, Gesù si mette a servizio dei suoi discepoli. Che sia offrendo la propria vita o lavando loro i piedi, mette loro al centro, si spende per loro.
Poi, è pesante la presenza del tradimento e del rinnegamento. Gesù se lo aspetta, lo sa.
Questo ci porta al terzo particolare, fusione degli altri due e forse meno facile da notare. Gesù si offre, si spende, per coloro che sa che lo rinnegheranno e tradiranno. Gesù dà il pane e lava i piedi anche a Pietro, anche a Giuda. L'amore di Gesù non si ferma a coloro che se lo meritano, o che almeno provano ad adeguarsi. È davvero un amore senza condizioni, senza buon senso, senza alcun limite.
Giovedì santo, anno C Leggi il vangelo secondo Giovanni 13,1-15

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter
Scroll Up