di M. Z.

Cura nella LiturgiaCosa vuol dire ”avere cura”. E io lo voglio dire a proposito di una Parrocchia. Personalmente non ho la dimensione parrocchiale nel mio imprinting e la mia vita piuttosto randagia...

non ne ha favorito lo sviluppo. Dopo il periodo brasiliano, in cui la Messa era diventata per me una celebrazione vitale, non ne ho più trovate molte altre che mi scaldassero abbastanza il cuore e incidessero sulla mia vita. Ne sto riscoprendo ora la bellezza.

La Messa è il momento culminante della comunità cristiana ed è certo frutto maturo della vita comunitaria. Ho conosciuto da poco una bella parrocchia, certamente molto curata: preghiera (anche di adorazione), ascolto della Parola, catechesi per tutte le età, accoglienza degli ultimi, attenzione alla persona e dedizione del parroco e di molti parrocchiani; amore.

Nella Messa tutto questo viene messo in risalto, in una armoniosa sintesi, fatta anche di bellezza: la musica, i canti, la danza, l’arredamento. Tutto curatissimo. Proprio tutto e nei minimi particolari; anche la Messa feriale ma la Messa festiva è festa davvero, pervasa di fede, di gioia e di calda spiritualità.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Scroll Up