1_felice
1_gratitudine1
2_acqua-vita
3_impossibile_realta
4_danza
5_fiore_sole
6_fiducia
7_lode
8_tenerezza
V_sbocciare_fiori
Z_affidamento

Benvenuti/e! Essere in rete fa crescere l'unità.

La nostra Congregazione è consacrata alla Trinità,
Dio Padre, Figlio, Spirito Santo
e si ispira a Gesù, Maria, Giuseppe,
espressioni umane perfette dell’amore trinitario.

Contemplando e attingendo all'Eucaristia
cerchiamo di vivere la preghiera di Gesù:
«Che tutti siano una cosa sola».

Per questo la nostra missione
è diventare “strumento”, umile e semplice,
perché nella Chiesa torni a splendere
il disegno delle origini, l’unità dei figli in Dio!

di Marco Red

Ricevere il messaggio di suor Grazia Cavallo che il 21 ottobre sarebbe iniziato il “nuovo Sole a Mezzanotte” mi ha riempito il cuore di gioia, da tempo aspettavo questo momento.

Tornare alla Sorgente per incontrare tanti amici, conoscere nuove persone e pregare insieme, aiutati da guide stupende è davvero qualcosa di meraviglioso.
Sono stato incuriosito dal "test d'ingresso" riguardante il Sinodo: "Cos'è? Dove? Quando? Tema?". Questo Sinodo dei giovani dal titolo: "I giovani, la fede e il discernimento vocazionale" sono certo sarà speciale ed una grande occasione per i giovani.
Molto profonda la canzone di Amara che ci ha proposto don Mariano Bernardi all'inizio della splendida catechesi: "Grazie". È proprio vero che: "... discesa o salita è così bella la vita... e grazie a quella voglia di ricominciare, a quando resti fermo ad aspettare tutte le volte che non devo arrendermi ma crederci". Grazie, è una parola breve ma con un valore immenso che arricchisce sia chi la dona che chi la riceve, e i motivi per ringraziare sono sempre tanti. Grazie a chi ci ha invitati a camminare sulla via della fede, grazie a chi ci accompagna e ci guida testimoniando la gioia di essere cristiani.
La domanda di Gesù «Che cerchi?» è un invito ad accogliere la vita, ma chiaramente dobbiamo metterci in gioco chiedendoci: per cosa o chi viviamo?
Alla domanda di Gesù: «Che cerchi?» i discepoli hanno risposto «Dove dimori?»; e Gesù: «Venite e vedrete», cioè, con un invito e una promessa per invogliarci a scoprirlo camminando sui passi della fede.
Grazie, Signore Gesù, perché tu mi ami e mi accogli così come sono, aiutami a essere capace di vederti e di riconoscerti come Dono per la mia vita. Abbandoniamoci, con fiducia, nelle mani di Dio Padre ricordandoci, nel corso della vita, di avere come unico desiderio quello di essere come Dio ci vuole.
Grazie infinitamente di cuore a tutti quelli che condividono con me questo cammino e grazie alle Sorelle che, con grande impegno e infinita passione, organizzano questi incontri di Paradiso.
Uniti in preghiera con affetto. 

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

News calendario


GIOVANI
20-22 luglio: weekend
"Ascoltare Discernere Vivere"
Alpe papa Giovanni - Limonetto
+INFO


PER le SUORE
Esercizi spirituali
Dal 5 al 12 luglio
a san Pitero del Gallo
"Casa di Spiritualità"

 Dai Testi di   
  padre Jen-Pierre Médaille  

«Chiunque lascia agire
Dio in sé non perde mai
la pace del cuore
».

MP XII, 5



Pensiero del giorno

«Non possiamo mai chiudere la vita in un’idea o in una formula.
La vita è questo cammino continuo, per questo lo stupore diventa conoscenza, e anzi, solo lo stupore conosce.
Perché una volta che non vivi più aperto alla meraviglia tu hai fissato e hai bloccato il processo della vita».
Carlo Molari

Scroll Up